leggibilità:

Bianco Su Nero
o
Nero Su Bianco

3.9.04

Lampi di Venezia\ Rimbalzando alla Mostra (1)


Qualche sparuta impressione su questi primi giorni di Festival. La Francia ci incanta, il Concorso consegnandoci, per ora, due gioielli: 5x2 di Ozon - film senza ombra alcuna - e lo straripante e nondimeno riuscitissimo ROIS ET REINE di Desplechin che probabilmente non vincerà (troppo francese, troppo intimo, troppo intelligente) ma che pone la sua seria candidatura al mio personalissimo Leone. UDALIONNYJ DOSTUP della Poskurina, senza giustificare i fischi della sala stampa, è opera comunque deboluccia (attendiamo Chiesa e Zhangke stasera). Per Orizzonti: visto e moderatamente apprezzato il nuovo Araki di MYSTERIOUS SKIN. Fuori concorso: l'apertura di Spielberg è meno catastrofica di quel che si dice in giro - il film ha molti spunti interessanti -, THE MANCHURIAN CANDIDATE riconsegna Demme al remake fatuo e, pur avendo dalla sua una Streep memorabile, non lascia tracce significative; RUDAO LONGHU BANG di Johnnie To è godibile spasso almeno quanto il Tony Scott (ci perdoni il Pelleschi, ma sarà dura anche per lui difenderlo) di MAN ON FIRE (sezione Mezzanotte - anche se era l'una passata quando è cominciato, lamentandosene amabilmente persino Denzel Washington) è indigesta muffa visiva (l'ho mollato dopo un'ora: non si reggeva). La chiusa è per COLLATERAL: Mann ci regala grandissimo cinema e un film splendido se non fosse per l'inciampo della mezz'ora finale. Un peccato davvero per un'opera comunque imperdibile.

scritto da LP @ 17:06  

Image Hosted by ImageShack.us


Image Hosted by ImageShack.us
Opera 9 - Your Web, Your choice
Creative Commons License

archivio